Premier League-Dopo solo quattro giornate dall’avvio, la Premier League arriva alla sosta per le nazionali con dati più che lusinghieri relativi alle presenze negli stadi per la stagione 2015/16. Sono infatti 1,4 i milioni di biglietti venduti finora, il 95,8% dei tickets disponibili nei primi quattro turni del torneo. A sottolinearlo è il portale Inside World Football, che rimarca poi l’impressionante statistica aggiungendo che in 40 partite, solo 60.171 posti sono rimasti vacanti, su poco meno di 1,5 milioni di posti a sedere.

Rispetto alla scorsa settimana inoltre, la gara a ridosso dello stop internazionale ha migliorato le percentuali di occupazione dei seggiolini degli stadi dei vari club inglesi, salendo al 95,2% rispetto al 94,82% della gara precedente, ma lontana dal 97,36% della gara d’apertura (solo 6.878 posti rimasti vacanti). Otto club del massimo campionato inglese hanno superato la soglia del 95% di occupazione dei posti a sedere, mentre solo l’Aston Villa è rimasto al di sotto del 90% della capienza totale del suo impianto (dopo aver chiuso la prima gara con il 98% dei posti a sedere occupati, il quarto turno è stato chiuso con l’82,73% di riempimento).

Alle spalle del club di Birmingham, in negativo, il Southampton, i cui spettatori hanno occupato 29.573 posti dei 32.698 disponibili (90,47% dei seggiolini occupati).

Tra le grandi, il Chelsea è quella che ha fatto meglio, chiudendo la quarta giornata con il (quasi) tutto esaurito (solo 217 seggiolini sono rimasti vacanti). Subito dietro Manchester City (96,59%, 1879 posti vacanti) e Liverpool (95.95% e solo 1842 posti rimasti vuoti). Tuttavia, è lo Swansea a segnare il record dei giornata: tutti i 20.800 posti del suo impianto sono stati occupati per la gara contro il Manchester United e, anzi, i dati ufficiali dicono che vi erano presenti 28 spettatori in più rispetto alla capienza effettiva. Lusinghieri infine anche i dati relativi al Tottenham, con soli 419 seggiolini rimasti senza spettatori e un significativo 98,85% di riempimento dei seggiolini di White Hart Lane.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here