Uefa, far bene con le squadre di club per uno o più anni in Champions League, consente di far crescere l’immagine di un allenatore che passa da sconosciuto a vincente.

E’ il caso di allenatori come Ancelotti e Allegri che prenderanno parte all’Elite club Coach Forum organizzato dall’Uefa.

Infatti, il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, quello della Fiorentina Paulo Sousa, ma anche Carlo Ancelotti (ex-Real Madrid, Milan e Juventus) fanno parte di un gruppo fra i migliori allenatori di club europei che parteciperanno domani a Nyon, presso la sede dell’Uefa, all’Elite club Coach Forum.

Sedici fra i tecnici piu’ quotati del continente discuteranno fra loro delle principali tendenze osservate nell’ultimo anno nel calcio europeo, lontano da sguardi indiscreti dato che l’Uefa ha annunciato che l’accesso alla propria sede verrà vietato ai media, promettendo solo un comunicato stampa sul proprio sito al termine della riunione.

Si tratta della 17ma edizione del Forum, che ha funzione consultativa ma che permette agli allenatori di fare proposte per migliorare il calcio nel continente. Alcune vengono poi recepite dagli organi competenti dell’Uefa.

Oltre a Allegri, Ancelotti e Sousa, hanno confermato la partecipazione Luis Enrique (Barcellona), Diego Simeone (Atletico Madrid), Arsene Wenger (Arsenal), Rafa Benitez (Real Madrid), Manuel Pellegrini (Manchester City), Unai Emery (Siviglia), Mircea Lucescu (Shakhtar Donetsk, ex-Inter), Laurent Blanc (Paris Saint-Germain), Leonardo Jardim (Monaco), Roger Schmidt (Bayer Leverkusen), Jurgen Klopp (senza club, ex-Borussia Dortmund), Julen Lopetegui (Porto) e Myron Markevych (Dnipro Dnipropetrovsk). Hanno invece declinato l’invito dell’Uefa Jose Mourinho (Chelsea) e Josep Guardiola (Bayern Monaco).

Ai lavori del Forum parteciperanno anche Alex Ferguson, ambasciatore dell’Uefa per gli allenatori, e Pierluigi Collina, capo degli arbitri presso la confederazione continentale.

Dunque, un modo particolare per confrontarsi tra grandi allenatori e magari, carpire qualche segreto per ritornare a vincere o conquistare per la prima volta la Champions League o l’Europa League.