Calcio argentino. Il ritorno di Carlos Tevez al Boca Jr ha riabilitato il calcio argentino, che non solo vende, ma compra anche, per tornare grande. L’Apache ha infatti mantenuto la promessa di ritornare nel club che lo ha cresciuto e proiettato nel grande calcio, dopo due stagioni di altissimo livello alla Juventus e un’esperienza europea tutto sommato positiva, spesa soprattutto in Inghilterra (West Ham, United e infine City).

Il ritorno in patria dell’attaccante tuttavia, va a beneficio del Boca (e di tutto il calcio argentino) non solo tecnicamente: ne fa il club argentino di maggior valore complessivo, con una rosa che, infatti, vale ora 59,4 milioni di euro secondo i dati aggiornati di Transfermarkt. Alle sue spalle, gli eterni rivali del River Plate, alle prese con la telenovela Gutierrez: tuttavia, il ritorno in biancorosso di Javier Saviola e di Lucho Gonzalez ha fatto lievitare il valore della compagine argentina a 53,1 milioni di euro. Terzo il San Lorenzo, ma staccatissimo dal duo di testa, con un valore complessivo di 39,1 milioni di euro.

Newell’s e Independiente, rispettivamente 26,8 e 22,5 milioni di euro chiudono una Top 5 con poche sorprese, mentre in fondo alla classifica il piccolo Crucero Del Norte, che vale soli 3,9 milioni di euro. Complessivamente, tenendo conto del valore di tutte e 30 le squadre del campionato, si può dire che il calcio argentino, oggi, vale 476,04 milioni di euro: di queste, solo 7 club hanno un valore che supera i 20 milioni di euro, 11 sotto i 20 milioni mentre ben 12 sono sotto i 10 milioni di euro.