lega serie a elezione presidente rimandata
Maurizio Beretta (Insidefoto)

Non sarà all’ordine del giorno nell’assemblea della Lega Serie A, ma si metterà per la prima volta l’argomento sul tavolo: oggi i club introdurranno nella discussione il tema della riforma televisiva proposta da Galliani dopo le polemiche di Juventus-Milan. L’idea dell’ad del Milan è di affidare tutta la produzione della Serie A a dei “registi indipendenti” e non più dei broadcaster Sky e Mediaset. La questione non è nell’ordine del giorno e quindi non potrà essere votata, ma si capirà se – come sembra – la Juventus è disposta a convenire con questa posizione, e soprattutto quale ruolo giocherà Infront nella partita.

Proprio il presidente di Infront, Marco Bogarelli, da sempre vicino a Galliani, ieri aveva aperto alla possibilità che fosse la stessa società di marketing sportivo ad occuparsi di formare i registi. Un’idea che la Juve, stando almeno al comunicato della scorsa settimana con cui rispondeva alle accuse sulle “linee” di Galliani, sembrava voler escludere del tutto: “Tale schiera di registi indipendenti – scriveva il club bianconero – sarebbe verosimilmente formata, se non addirittura fornita, dall’advisor/procacciatore/produttore già menzionato che si troverebbe nella singolare posizione di scrivere le regole, eseguirle e trarne anche i profitti”. Uno scenario che ad Andrea Agnelli non piace per nulla, ma sul quale è disposto ad ascoltare la posizione degli altri club. Inoltre le società che intendono produrre autonomamente le immagini, come fanno ad oggi solo Juventus e Napoli, potranno comunque continuare a farlo secondo la Legge Melandri.

In Lega si parlerà invece della goal-line technology per il prossimo campionato. Lega e Figc cercheranno di trovare uno sponsor per abbassare le spese del nuovo sistema: alcuni club non sono del tutto convinti di voler pagare 10mila euro per ogni partita in casa. Ma l’impressione è che alla fine la tecnologia che dovrebbe eliminare i gol fantasma sarà introdotta. Difficile immaginarsi un clima disteso in Lega con tutta questa carne al fuoco. E dopo le parole del presidente della Lazio Lotito, registrato mentre in una telefonata diceva che Maurizio Beretta, che presidente la Lega di A, “conta zero”.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here