Manchester United-Bristol Heart Insitute-Partnership e accordi di collaborazione sono uno dei punti di forza dell’economia del Manchester United, uno dei club che, più di ogni altro, è capace di orientare politiche e strategie di marketing alla diffusione e valorizzazione di un brand tra i più importanti e conosciuti a livello globale. Stavolta, tuttavia, l’accordo non riguarda una partnership tipicamente commerciale, quanto di una collaborazione dai connotati prettamente scientifici, di studio e monitoraggio cioè della salute dell’atleta durante l’esecuzione della prestazione fisica.

Manchester United-Bristol Heart Institute: i termini  dell’accordo

Lo United infatti ha annunciato una partnership di ricerca con l’Heart Institute di Bristol, presso l’Università di Bristol, che coinvolgerà anche Toshiba Medical Systems, partner ufficiale e fornitore dei sistemi medici del club di Old Trafford, la Bristol Clinical Reserch, Imaging Centre (CRICBristol), e l’Università di Ricerca della salute dei bambini. Come parte del progetto, i giocatori dell’accademia della squadra inglese si presteranno al monitoraggio del cuore dalle nuove tecnologie di imaging: lo scopo, è quello di mostrare come lavorano i cuori dei giovani atleti mentre si fa esercizio fisico e, di conseguenza, sotto il più tipico degli sforzi per un calciatore professionista. In totale, nell’analisi vi prenderanno parte 300 bambini, 100 dei quali saranno bambini nati con disturbi cardiaci, mentre i restanti 200 saranno composti da 100 bambini e adolescenti sani e, come detto poc’anzi, 100 atleti juniores della Manchester United Academy. Questo aiuterà ad identificare le prestazioni cuore dei diversi gruppi in condizioni di stress e di fornire il supporto di una migliore identificazione delle anomalie, che a volte non si presentano al momento“, ha detto un comunicato sul sito ufficiale del club. Analisi e relativi risultati verranno completati nel 2016.

Fabio Colosimo

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here