Manchester City v Liverpool - Premier LeagueLa presenza di Mario Balotelli, in tribuna all’Etihad Stadium, non ha portato fortuna al Liverpool sconfitto 3-1 dal Manchester City di un super Jovetic, autore della decisiva doppietta (41′ e 55′) che ha steso i Reds. Del Kun Aguero, appena entrato in campo (69′), il terzo gol. Per il Liverpool ha accorciato le distanze Ricky Lambert (83′).

L’ex rossonero ha commentato il suo ritorno in Premier League poco prima dell’inizio della gara persa dalla squadra di Brendan Rodgers“Sono felice di essere tornato in Inghilterra, quando me ne sono andato ho sbagliato”, ha detto Balotelli al sito del Liverpool. “Volevo tornare in Italia, ma mi sono reso conto che è stato un errore”, ha poi aggiunto.

“Il calcio inglese in linea di massima è migliore. Il calcio inglese è splendido”, ha osservato Super Mario, che indosserà il numero 45. “Quando ero giovanissimo, ho giocato le prime 3-4 partite con l’Inter con il numero 45 perché le maglie dei ragazzi più giovani andavano dal 36 al 50. Ho tenuto il 45 perché, scherzando, dicevo che 4+5 fa 9. E poi ho segnato in tutte quelle partite: il numero mi porta fortuna e l’ho tenuto”.

La trattativa tra Milan e Liverpool è andata in porto dopo l’accelerazione degli ultimi giorni. “Sono molto felice, avevamo parlato dell’ipotesi di venire qui e ora sono contento di essere arrivato. Il Liverpool è uno dei migliori club d’Inghilterra. Il calcio qui è splendido, questa è una grande squadra con giocatori giovani. Ecco perché sono qui. Forse ho un pò di esperienza in più rispetto ad altri giocatori. Se posso aiutarli, mi fa piacere”, ha aggiunto l’attaccante.

Balotelli è stato accolto con entusiasmo dai supporters. “Non mi aspettavo una simile accoglienza, visto che ho affrontato il Liverpool da avversario. Ogni volta che ho giocato contro il Liverpool, i tifosi non sono stati carini con me… Ma è normale, questo è il calcio. Adesso sono nel Liverpool e mi rendo conto che la gente si aspetta molto. I tifosi sono felici e questo mi rende contento. Sarà speciale scendere in campo ad Anfield, l’idea di giocare qui mi esalta. Se sei un avversario, è tosta”.

Il Liverpool, dopo aver sfiorato il trionfo lo scorso anno in Premier, torna sul palcoscenico della Champions. “Partecipo ad una competizione con l’intenzione di vincerla. Voglio vincere di sicuro un’altra Champions, perché quella che ho vinto non era del tutto mia. Facevo parte di una squadra. Voglio portare questo team fino alla Champions”, dice ripensando al titolo europeo conquistato nel 2010 con l’Inter.

L’attaccante non si è ancora calato del tutto nella nuova realtà. “Quando conoscerò la squadra, comincerò ad allenarmi e giocherò la prima partita -dice- mi renderò conto. Per ora, ho solo visto la città. Conoscerò presto i miei compagni, non vedo l’ora”. Tra poche ore, il Liverpool affronta proprio il Manchester City. Balotelli sarà solo spettatore: “Andrò a vedere la partita. Mi piacerebbe giocare, ma per ora posso solo tifare». Cosa vuole ottenere Super Mario nella nuova avventura? “Il massimo”.

Fabio Colosimo