Cairo spostamento data derby Juventus-Torino
Il presidente di RCS MediaGroup e del Torino, Urbano Cairo (Insidefoto.com)

cairo“Mi pare che di capire che l’intenzione di Tavecchio sia quella di andare avanti ma vedo che un po’ di appoggio gli va mancando”. Urbano Cairo, presidente del Torino, è fra coloro che ha ritirato il sostegno alla candidatura del numero uno della Lega Nazionale Dilettanti nella corsa alla presidenza dell Figc. “C’e’ stato uno smottamento, noi abbiamo ritirato l’appoggio e come noi tanti altri, siamo gia’ 8-9 in serie A”, ha sottolineato l’editore  ai microfoni di Tutti Convocati su Radio24, “la Serie A comincia a essere non più compatta ma spaccata in due e una Serie A non in appoggio va tenuta in conto”.

Virtualmente però, anche senza la Lega di A, Tavecchio avrebbe comunque i voti per farsi eleggere. “Il tema vero è questo, con tutto il rispetto per i movimenti e per chi ci lavora e gioca, non è giusto che con l’appoggio di Lega Dilettanti e Lega Pro si possa eleggere un presidente, è un tema che va riformato in maniera veloce”, il parere di Cairo.

LA POSIZIONE DI JOHN ELKANN

Sulla candidatura Tavecchio e sulla frase pronunciata nei giorni scorsi dal presidente della Lega Dilettanti, si è espresso anche il presidente di Fiat ed Exor (la holding cui fa capo il controllo della Juventus), John Elkann. “Le frasi di Tavecchio non possono avere commenti – ha detto il presidente di Exor – sono di un’inadeguatezza assoluta. In generale, il mondo sportivo italiano e internazionale ha mostrato che chi aspira a certe cariche deve avere comportamenti adeguati”.