La prima occasione e’ di marca giallorossa: Strootman – che giochera’ poco piu’ di 10′ per una distorsione al ginocchio sinistro, domani l’olandese si sottoporra’ a esami accurati – pesca Gervinho alle spalle della difesa azzurra, l’ivoriano non ci arriva di testa. Vista l’assenza dello squalificato De Rossi e la decisione di lasciare Destro in panchina, Garcia deve inventarsi il 4-1-4-1 con Taddei davanti alla difesa, mentre Benitez sin dall’avvio aveva dovuto rinunciare a Behrami e Jorginho, lanciando Dzemaili e puntando sul trio Callejon-Hamsik-Mertens alle spalle del rientrante Higuain.

Callejon consegna lo scudetto alla Juventus

Reina para tutto, Callejon segna con un’incornata all’incrocio dei pali e il Napoli batte la Roma piombando a tre punti dai giallorossi, che ormai dicono addio allo scudetto, sempre piu’ bianconero, lontano 14 lunghezze. Bella partita al “San Paolo”, con la Roma, senza un centravanti di riferimento, superiore a livello di gioco e occasioni ma poco cinica, mentre il Napoli approfitta con Callejon dell’unico errore di Romagnoli per riaprire i giochi per il secondo posto.

Napoli – Roma, fasi di gioco

Le voci del post  partita

“Stasera dobbiamo essere contenti, abbiamo vinto contro una squadra forte come la Roma e siamo gli unici ad averla battuta due volte”. Il tecnico azzurro, Rafa Benitez, commenta cosi’ il successo nel posticipo contro i giallorossi. “Altre volte – ha detto l’allenatore – abbiamo giocato molto bene senza ottenere risultati adeguati, stasera siamo riusciti a prendere i tre punti con una partita di grande intensita'”. “La Roma ha avuto piu’ occasioni? Loro hanno avuto le loro, noi le nostre e siamo riusciti a concretizzarne una – ha proseguito Benitez – I giallorossi sono una squadra che difende bene, che non prende gol, ma abbiamo avuto la meglio. Inoltre, ci siamo trovati questa mattina senza Behrami e Jorginho, ma tutti hanno fatto il meglio”. Lo spagnolo ha infine difeso Hamsik, un po’ in ombra: “Lui e’ un giocatore di grande qualita’, ci mette sempre grande impegno e presto tornera’ anche a segnare”. “Avevamo deciso di aspettare il Napoli e di giocare in contropiede, per questo ci siamo schierati con Gervinho di punta e Bastos e Florenzi sulle fasce, cosi’ da poter segnare in velocita’, ed e’ questo che ci e’ mancato. Abbiamo giocato con personalita’ e maturita’, il risultato e’ immeritato ma questo nel calcio capita: stasera non ha vinto la squadra piu’ forte”. Cosi’ il tecnico della Roma, Rudi Garcia, analizza la sconfitta di misura in casa del Napoli, ora a soli -3 punti dal secondo posto dei giallorossi, schierati con un tridente ‘atipico’ per l’assenza di Totti e la decisione di far partire Destro dalla panchina. Ovviamente entusiasta il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, per la vittoria nel posticipo serale con la Roma che lancia gli azzurri a tre lunghezze dal secondo posto: “Ne ero sicuro – scrive il presidente su Twitter -. Una vittoria della maturita’. Bravi tutti! Ora sempre piu’ in alto!”.

 

PrecedenteLa Fifa contro i falsi trasferimenti
Sanzioni in Argentina e Uruguay
SuccessivoManchester United, raggiunto accordo di 10 anni con Nike per 600 milioni
Alberto Lattuada è nato a Milano e da sempre è appassionato di calcio e finanza. Ha scritto per diversi siti specializzati nel mondo del calcio e del forex. Dal novembre 2013 dedica anima e corpo allo sviluppo e alla crescita del portale CalcioeFinanza.it