Dopo aver gioito al San Paolo per la vittoria del suo Napoli contro la Roma che è valsa la conquista della finale di Coppa Italia, Diego Armando Maradona è tornato nella città partenopea per affrontare due questioni giudiziarie. Insieme al suo legale Angelo Pisani, il Pibe de Oro, ha depositato due memorie difensive alla Procura di Napoli, la prima si riferisce ad un contenzioso con Equitalia che chiede a Maradona 40 milioni di euro per vicende relative al periodo in cui militava nel club partenopeo. Nelle 36 pagine di questa memoria difensiva Maradona ha ribadito come non ci sia mai stata una presunta evasione fiscale tanto e’ vero che i giudici penali hanno escluso qualsiasi violazione, al testo, a supporto, sono state allegate anche la sentenza penale del tribunale di Napoli del 1991 e la sentenza della Commissione Regionale Tributaria della Campania del 1992 che assolve Ferlarino, Careca, Alemao e si estende anche a Maradona. “In piu’ abbiamo depositato il condono fiscale a cui il curatore fallimentare del Napoli decise di aderire nelle more della definizione dei debiti del club azzurro al momento del fallimento” ha precisato l’avvocato Pisani. Maradona, ricorda il suo avvocato, ha depositato anche un allegato con le risposte scritte di Equitalia e dell’Agenzia delle Entrate che ”quando chiedemmo l’accesso agli atti dichiararono di non essere in possesso dell’accertamento originario e della cartella esattoriale del 1990”.

Il figlio Diego Junior e l’abbraccio con De Laurentiis

L’altra memoria difensiva portaa in tribunale da Maradona  fa riferimento alle querela presentata nel febbraio 2013 da Cristiana Sinagra e da suo figlio Diego Armando junior, nato 27 anni fa da una relazione con il calciatore argentino, per diffamazione a mezzo stampa. Maradona oggi sarà nella sede del Parlamento europeo a Roma per una conferenza stampa promossa dall’eurodeputato napoletano di Forza Italia Enzo Rivellini, cui prendera’ parte anche il vicepresidente della Commissione Econ Pablo Zalba Bidegain, tema dell’incontro la vertenza col fisco italiano. Intanto dal punto di vista sportivo l’abbraccio tra il Pibe e il presidente del Napoli De Laurentiis sembrerebbe aver riavvicinato nuovamente l’ex asso del pallone ed il club suo vecchio club di appartenenza. Il patron del Napoli in un’intervista a Radio24 ha lanciato l’idea di far diventare Maradona un ambasciatore del Napoli nel mondo, in particolare negli Usa e in Asia, un’idea piaciuta molto a Maradona che ha commentato ”Se ne puo’ parlare, io ho Napoli nel cuore e quindi e’ naturale per me portarla in giro per il mondo”.

 

 

Inviato da iPhone

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here