SHARE
Riccardo Silva

Ci potrebbe essere anche l’imprenditore Riccardo Silva tra gli azionisti del nuovo Milan targato Elliott.

Secondo quanto riportato dalla versione online di Milano Finanza, in un articolo a firma del giornalista Luciano Mondellini, il fondo guidato da Paul Singer, che da ieri sera è ufficialmente il proprietario del 99,93% del Milan, starebbe valutando l’ipotesi di far entrare l’imprenditore milanese e milanista nell’azionariato del club con una quota di minoranza compresa tra il 5 e il 20%.

E’ escluso invece che come ha riportato il Financial Times che Silva possa pensare ad acquisire la maggioranza del club.

L’imprenditore milanese, che è ora in Russia per assistere alla fase finale dei Mondiali, due anni fa ha ceduto ai cinesi di Everbright e Baofeng la Mp&Silva, società da lui fondata e operante nel trading dei diritti televisivi.

E ora nella Mp&Silva ha soltanto una quota di scarsissima rilevanza e più nessun incarico operativo (non siede nemmeno nel cda).  Questo non toglie però che all’imprenditore sia passata la voglia di calcio né siano svaniti i legami con il mondo del pallone.

In particolare, secondo quanto riportato da MF, l’idea di Silva di entrare nel club rossonero ha iniziato a prendere forma qualche mese fa.

L’imprenditore, che abita a Miami e che per affari fa la spola tra la città della Florida e Londra, conosce da tempo la famiglia Singer cui fa capo il fondo Elliott.

E proprio i Singer, capendo che l’avventura di Yonghong Li bel club rossonero stava diventando sempre più complicata e l’ipotesi di escussione del pegno sul Milan sempre più probabile, hanno contattato Silva per una sua eventuale disponibilità ad entrare nel club.

Silva non solo è milanese e milanista (come tutta la sua famiglia proprietaria di una società chimica cui fanno capo tra gli altri i brand Spuma di Sciampagna e Chanteclair), ma soprattutto ha una grande conoscenza delle dinamiche del calcio italiano. Visto che per anni la Mp&Silva da lui gestita si è aggiudicata l’asta per la distribuzione dei diritti televisivi della Serie A all’estero.

In questo quadro l’esperienza maturata da Silva nel settore potrebbe fare comodo a Elliott nei suoi primi anni di gestione del Milan.

Detto però che l’imprenditore non avrebbe nessun ruolo operativo nel club calcistico e continuerebbe a sviluppare i suoi affari tra Miami e Londra.

Milan, Silva tratta con Elliott: l’imprenditore italiano è comproprietario del Miami FC

Silva è tra le altre cose comproprietario assieme alla leggenda rossonera Paolo Maldini del club calcistico del Miami Fc e questo ha fatto pensare a un legame diretto dell’ex capitano del club a livello dirigenziale.

In realtà, secondo quanto riportato da MF online, sul ruolo dell’ex difensore della Nazionale nell’assetto dirigenziale del club ci sarebbero ancora delle nubi.

Riccardo Silva e Paolo Maldini, proprietari del Miami FC
Riccardo Silva e Paolo Maldini, proprietari del Miami FC

Maldini infatti vorrebbe un ruolo decisionale (insomma non sulla falsariga dell’incarico da ambasciatore che ha Javier Zanetti all’Inter) mentre Elliott vorrebbe mettere nelle posizioni chiave manager  che abbiano avuto una comprovata esperienza in campo dirigenziale.

Milan, Silva tratta con Elliott: il fondo punta a rilanciare e valorizzare il club

Infatti secondo quanto trapela Elliott, con l’aiuto di importanti studi legali, avrebbe già sondato manager operanti nel calcio con profili internazionali per i ruoli dirigenziali (pare in Inghilterra).

E’ vero che l’investimento di Elliott nel Milan (costato poco più di 300 milioni al fondo) è poca cosa (circa lo 0,8%) rispetto alle attività globali investimenti del fondo dei Singer (che ha circa 40 miliardi di capitale investito). Me è altrettanto vero che i Singer sanno che il calcio ha un potere di immagine che va ben oltre la portata in termini di capitale.

Soprattutto hanno in mente di trattare l’investimento come un vero e proprio business. L’obiettivo, infatti, è quello di risanare il club, rilanciarlo anche a costo di tenerlo in gestione per una durata sino a cinque stagione per poi rivenderlo a un prezzo che nelle intenzioni dei Singer potrebbe arrivare a 1 miliardo.

LASCIA UNA RISPOSTA: