SHARE
Il presidente di Mediaset Premium, Adriano Galliani (Insidefoto.com)
Adriano Galliani (Insidefoto.com)

“Credo e spero che non mi limiterò a schiacciare bottoni. Mi piacerebbe occuparmi di sport, certamente essere ministro è una grande cosa ma non è la mia ambizione assoluta”. L’ammissione è di Adriano Galliani, ex amministratore delegato del Milan e candidato alle prossime elezioni al Senato con Forza Italia, intervistato da Giovanni Minoli su La7

L’ex dirigente rossonero ha parlato anche del suo rapporto con Berlusconi: “Ho sentito tante frasi, tante speranze e programmi di Berlusconi che mi sembravano irrealizzabili e poi si sono realizzati e quindi credo che succederà così anche questa volta. È un visionario e innovatore – ha proseguito Galliani -. Forse è troppo buono. Con Berlusconi ci diamo del Lei perchè è una scelta di entrambi e, per quanto mi riguarda, ritengo che con il Lei si può avere molta intimità e anche autonomia”.

Adriano Galliani (foto Insidefoto.com)

Tornando sul suo passato al Milan, Galliani ha raccontato che l sua partita più sofferta è stata “sicuramente la finale di Champions ad Atene contro il Liverpool. Era il 2007, vinciamo 2 a 0, il Liverpool fa un goal e noi rischiamo il pareggio negli ultimi minuti e pensavo che fosse il remake di due anni prima a Istanbul. Il calciatore più forte visto al Milan? Non ho dubbi, è Marco Van Basten”.

“Il rapporto con Barbara Berlusconi è stato difficile, non posso mentire”, le parole di Galliani, che ha ricordato l’arrivo della figlia dell’ex premier nella società rossonera. Parlando del Milan poi, Galliani ricorda un episodio che ha come protagonista Rino Gattuso, l’attuale allenatore chiuso da Galliani nella sala trofei della squadra: “L’ho chiuso dentro veramente. Voleva andare via per eccesso di amore verso il Milan. Gattuso non riusciva a superare il dolore della sconfitta di Istanbul e pensava che andando via, non indossando più quella maglia il dolore sarebbe passato prima che giocando con la maglia rosso-nera”.

Silvio Berlusconi e Adriano Galliani (Insidefoto.com)
Silvio Berlusconi e Adriano Galliani (Insidefoto.com)

“In quel periodo ho sofferto anch’io e non ho dormito per mesi dopo Istanbul. Ho detto a Rino: ‘Vedrai che un giorno capiterà che avremo la rivincita e vinceremo la Champions, magari, con lo stesso Liverpool’. Due anni dopo ritroviamo in finale il Liverpool e vinciamo la Champions”.

Chiusura dedicato ai diritti tv della Serie A, in seguito all’assegnazione del pacchetto globale alla spagnola Mediapro. “Ha offerto 230 milioni in più di quanto abbiano offerto i broadcast italiani quindi, più soldi per le squadre di calcio e migliori giocatori. Per i tifosi – ha concluso Galliani – sarà meglio perchè si potrà usufruire il prodotto calcio su tutte le piattaforme esistenti italiani”.

 

LASCIA UNA RISPOSTA: