SHARE
(Insidefoto.com)

La Commissione nazionale cinese per le riforme e lo sviluppo ha confermato che anche nel 2018 gli investimenti di società cinesi all’estero nel settore calcio saranno ritenuti “investimenti sensibili”, e quindi limitati, oltre ad essere posti sotto un maggiore controllo.

Nei giorni scorsi, la lista inizialmente resa nota lo scorso agosto è stata aggiornata, includendo gli investimenti all’estero nei media, nella produzione di armi nello sviluppo delle risorse idriche. Come riporta Fcinternews.it (qui l’articolo), nella lista sono rimasti così gli investimenti immobiliari e, anche, quelli nei club calcistici. La nuova lista diventerà effettiva dal prossimo 1 marzo 2018, secondo quanto spiegato.

Il calcio sbanca la tv cinese: 1mld di tifosi

Limitazioni che hanno già avuto effetti nei passati mesi: gli investimenti di aziende al di fuori della Cina nel 2017 sono calati del 29,4% a 120 miliardi di dollari, in seguito alla campagna dello stato cinese contro quelli che vengono ritenuti investimenti irrazionali all’estero.

Inoltre, le limitazioni hanno già avuto effetto, ad esempio, sui conti dell’Inter: “A partire dal 30 settembre 2017, 25 milioni di euro di ricavi che abbiamo rilevato nell’esercizio chiuso al 30 giugno 2017 sotto il Naming Rights and Sponsorship Agreement non sono ancora stati pagati”, si legge in uno dei documenti allegati all’emissione di bond dello scorso dicembre.

DOCUMENTI – Inter: «La stretta sui capitali cinesi può limitare gli investimenti di Suning»

L’attesa ora è per capire se il mantenimento delle limitazioni per il settore calcio potrà influire ulteriormente sulla situazione dei club calcistici europei in cui hanno investito aziende cinesi: non solo l’Inter ma anche Atletico Madrid e Parma.

Tra le varie aziende cinesi colpite dalle limitazioni c’è anche il gruppo Dalian Wanda: la necessità di rientrare dagli investimenti degli ultimi anni potrebbe portare la società a vendere la propria divisione sportiva, di cui fa parte anche Infront, la società svizzera acquisita nel febbraio 2015 per oltre 1 miliardo dollari, che agisce come advisor per la Lega Serie A e controlla i diritti televisivi della Coppa del mondo di sci, oltre allo sponsoring di Milan, Inter e Lazio, tra le altre.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA: