SHARE
Lo stadio Giuseppe Meazza (San Siro) di Milano (Insidefoto.com)
Lo stadio Giuseppe Meazza (San Siro) di Milano (Insidefoto.com)

«In un clima di piena collaborazione, questa mattina si è tenuto a Palazzo Marino l’incontro tra i rappresentanti dell’Amministrazione e i vertici di Milan e Inter che avvia il percorso verso il futuro assetto di San Siro».

E’ quanto si legge in una nota diramata dal Comune di Milano dopo l’incontro con i vertici di Inter e Milan sul futuro dello stadio di San Siro.

«Per quanto riguarda la convenzione dello stadio», si legge nel comunicato, «saranno ripristinate le condizioni in essere precedenti legate all’organizzazione della finale dell’UEFA Champions League del 2016».

Tali condizioni, secondo quanto appreso da Calcio e Finanza, prevedono una ripartizione equilibrata tra canone e investimenti, ovvero 54% di affitto e 46% di spese per lavori. Gli scorsi due anni, in occasione della finale di Champions League disputatasi a San Siro, il rapporto era stato 30% canone a 70% lavori.

Il valore della convenzione, ovvero l’importo che M-I Stadio garantisce al Comune, è pari 9 milioni.

Entro l’estate il Milan deciderà se restare a San Siro o se farsi un suo stadio

Nel comunicato il Comune di Milano ha anche indicato la road map che dovrà portare alla decisione definitiva sul futuro di San Siro.

«Si è inoltre stabilito di avviare una serie di incontri a cadenza mensile da qui all’estate, sempre tra Amministrazione, Milan e Inter, al fine di condividere ed elaborare un percorso comune per il rinnovamento dello stadio».

Entro l’estate, come anticipato da Calcio e Finanza, il Milan deciderà se restare a San Siro o se farsi un suo stadio. La convenzione tra Comune di Milano, M-I Stadio e i due club scade nel 2030. Potrebbe dunque essere rivista nel caso in cui il Milan decidesse di lasciare San Siro per costruire un proprio stadio.

2 COMMENTI

LASCIA UNA RISPOSTA: