SHARE

La parola passa ai giocatori del Vicenza. Mentre la Procura di Vicenza ha chiesto al Tribunale civile il fallimento del Vicenza Calcio, la squadra oggi si è presentata davanti alla stampa.

«Insieme ai tifosi siamo la parte buona di questo Vicenza», le parole lette dal capitano Giacomelli. «Siamo stati sommersi da racconti che i libri di favole dei nostri bimbi – ha proseguito Giacomelli – non sono nulla in confronto. Da cronistorie di trattative di infinite cordate, che nel giro di poche ore sparivano nel nulla. Da promesse mai mantenute. Da parole dette senza avere nessuna conferma. Ma soprattutto senza mai percepire uno stipendio da agosto a questa parte». Intanto domani, contro il Padova nella sfida di Coppa Italia di Serie C sarà probabilmente in campo la squadra Beretti.

Una situazione grave, ma che, in caso di presentazione di garanzie da parte della società, può anche rientrare. «Se ci sono garanzie (regolare pagamento degli stipendi) i giocatori sono disposti a restare e a ritirare i ricorsi» ha infatti il direttore generale dell’Aic Gianni Grazioli.

Intanto la Procura, ha depositato stamattina la richiesta di fallimento. Nel dispositivo sarebbe chiesto che venga disposto l’esercizio provvisorio: come già accaduto per Bari e Pisa, questo potrebbe consentire alla squadra di concludere il campionato, in attesa che qualche imprenditore possa farsi avanti per rilevare il club biancorosso attraverso un’asta per l’acquisizione del titolo sportivo. Si prevedono tempi molto brevi, con la nomina del curatore fallimentare già la prossima settimana.

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA: