SHARE
Il presidente del Milan, Yonghong Li (foto: Daniele Mascolo)
Il presidente del Milan, Yonghong Li (foto: Daniele Mascolo)

Quali sono le richieste della Uefa al Milan che sarebbero state necessarie per ottenere l’ok al voluntary agreement e che il club rossonero non sarebbe stato in grado di onorare? Secondo indiscrezioni Nyon avrebbe infatti imposto al Milan alcune condizioni capestro pressoché impossibili da rispettare per il club presieduto da Yonghong Li. Vediamo quali sarebbero queste richieste.

In primo luogo il Club Financial Control Body (CFCB), presieduto dall’ex primo ministro belga, Yves Leterme, avrebbe chiesto al Milan come prima condizione per dare il via libera alla richiesta di voluntary agreement l’avvenuto rifinanziamento del debito, con scadenza nell’ottobre del 2018, contratto dal club e dalla holding Rossoneri Sport Investment Lux nei confronti del fondo Elliott.

Come è noto le trattative per il rifinanziamento sono ancora in corso e dunque la prima condizione posta dalla Uefa non sarebbe stata rispettata dal club.

La seconda richiesta, secondo quanto riportato da Panorama.it, avanzata da Nyon alla proprietà del Milan, e dunque a Yonghong Li, sarebbe stato il versamento cautelare di oltre 150 milioni di euro a copertura delle future perdite del club. Richiesta che la proprietà non ha potuto soddisfare e che ha contribuito a spingere il Club Financial Control Body (CFCB) verso il no.

Fassone: «Uefa, richieste impossibili. “No” al Voluntary non sarebbe un funerale»

Quali sono le richieste della Uefa al Milan: cosa dice il regolamento

Il regolamento Uefa sul Fair Play Finanziario prevede infatti che poter derogare dalla regola generale sottoscrivendo il voluntary agreement un club deve:

  1. presentare un piano a lungo termine, costituito da un piano finanziario “basato su ipotesi ragionevoli e prudenti” che preveda il raggiungimento del pareggio di bilancio in quattro esercizi;
  2. dimostrare di avere le risorse finanziare a finanziarsi fino al termine del periodo coperto dall’accordo volontario;
  3. presentare un impegno irrevocabile da parte dell’azionista o di una parte correlata a coprire le perdite relative agli esercizi precedenti a quello in cui sarà raggiunto il pareggio di bilancio. Questo impegno irrevocabile – dice il regolamento – dovrà essere sancito per mezzo di un accordo giuridicamente vincolante tra il club e l’azionista (o la parte correlata).

LASCIA UNA RISPOSTA: