SHARE
bilancio sky italia 2017 ricavi utili
Alessandro Bonan e Vera Spadini di Sky (Foto: Insidefoto,com)

I ricavi di Sky Italia sono aumentati a cambi costanti del 7% a 1,849 miliardi di sterline. L’Ebitda è salito del 44% a 202 milioni e l’utile operativo del 237% a 91 milioni (da 27 milioni).

Si tratta del miglior tasso di crescita degli ultimi otto anni per Sky Italia. L’allargamento della base clienti rispetto a un anno fa, la buona crescita della raccolta pubblicitaria e gli incassi derivanti dalla vendita a terzi dei diritti delle Olimpiadi di Rio sono alla base di tale andamento dei ricavi, si legge in una nota diffusa.

Sul fronte degli abbonati, al 31 marzo, Sky in Italia ha 4,802 milioni di clienti, in crescita di 68mila unità rispetto al marzo 2016, ma in linea con la fine di dicembre (quando erano 4,809 milioni).

L’andamento fiacco della nuova clientela nel III trimestre è spiegato con i minori clienti derivanti dall’accordo commerciale di Telecom in ragione della disputa sul contratto in corso tra i due gruppi ma anche con il contesto economico ancora incerto.

A livello globale Sky ha registrato nei primi nove mesi dell’esercizio fiscale 2016-17 un calo dell’utile operativo adjusted dell’11%, a 1,013 miliardi di sterline, principalmente a causa dei 494 milioni spesi per il nuovo contratto della Premier League di calcio inglese, degli investimenti per Sky Q e Sky Mobile e dell’andamento meno favorevole della pubblicità nel Regno Unito.

Il broadcaster ha visto l’utile operativo passare da 802 milioni a 703 milioni di sterline dopo aver dedotto spese operative per 310 milioni relative all’integrazione di Sky Italia and Sky Deutschland.

L’Ebitda adjusted è pari a 1,5 miliardi di sterline. I ricavi sono cresciuti del 5% a 9,64 miliardi, anche grazie all’impatto del rafforzamento dell’euro. I ricavi sono saliti del 4% in Gran Bretagna e Irlanda a 6,4 miliardi con un utile operativo di 918 milioni e del 28% in Germania e Austria (+10% a cambi costanti a 1,382 miliardi), dove il risultato operativo è passato da una perdita di 39 milioni ad un utile di 4 milioni. Gli abbonati sono aumentati del 4% a 8,13 miliardi per effetto tra l’altro di un’espansione della base di 769 mila utenti a 22,4 milioni.

Nel terzo trimestre, in particolare, i clienti sono cresciuti di 106.000 unità. Il numero di defezioni è rimasto stabile in Gran Bretagna, primo mercato del gruppo.

Lo scorso dicembre, 21st Century Fox ha presentato un’offerta di 11,7 miliardi di sterline per acquisire il 61% del capitale non detenuto di Sky e salire così al controllo del 100%. Il magnate Rupert Murdoch e la sua famiglia sono già i maggiori azionisti di 21St Century Fox e News Corp.

LASCIA UNA RISPOSTA: