SHARE
cessione genoa due diligence genoa bilancio 2016 cessione genoa fabrizio preziosi lascia club
I tifosi del Genoa in tribuna (Foto: Insidefoto.com)

Con un colpo di teatro Enrico Preziosi, patron del Genoa, ha evitato che squadra e società venissero contestate ieri dai tifosi rossoblù, ma in serata il numero uno del Grifone non si è sottratto ai commenti ed ha affidato a una lettera aperta il suo desiderio di lasciare, ma non ad ogni costo: “Sono orgoglioso – ha scritto sulle pagine del sito Internet della società – Orgoglioso di quello che abbiamo costruito in questi anni con il Genoa, orgoglioso di essere ripartito dopo momenti difficili”. Festeggiando il decimo anno in Serie A, l’imprenditore campano ricorda di aver “aperto un ciclo” a Genova e il club “è diventato parte della mia famiglia. E io non potrò mai accettare che la mia famiglia venga attaccata in maniera incivile”.

“Ora – ha lanciato la sfida Preziosi chi ritiene che io debba lasciare il Genoa faccia uno sforzo costruttivo: proponga un investitore che dimostri di avere la forza necessaria per aprire un nuovo ciclo. Ribadisco che sono determinato a vendere il Genoa, sono pronto a incaricare un advisor non appena anche quest’anno la salvezza sarà raggiunta matematicamente. Sono pronto a cedere il Genoa, non a disfarmene”.

Il patron ha assicurato di non lasciarsi “intimidire” da chi lo contesta e le parole sono rivolte proprio ai tifosi più accesi del club che nel pomeriggio di ieri hanno ribadito la loro posizione in un comunicato: “Signor Preziosi – hanno scritto in un comunicato firmato Gradinata Nord – il suo monologo non può che suscitare un’unica reazione: tristezza! Nessuno è più disposto a credere alle sue parole. Lei ha tradito tutti i genoani dicendo delle cose ma facendone altre. Per una volta dia seguito a quanto da lei pronunciato dicendo ‘il mio ciclo è finito’ e si dimetta assieme a suo figlio Fabrizio e a Omar Milanetto“. I tifosi hanno poi rinfacciato a Preziosi il mercato convulso “primi in Europa per movimenti di giocatori negli ultimi anni” e ricordato che prima o poi la squadra dovrà tornare a Genova “non vorrà mica gravare sui conti tenendola in ritiro sino a fine stagione?” hanno scritto ironicamente.

Lettera di Preziosi ai tifosi, il testo integrale 

“Sono orgoglioso. Orgoglioso di quello che abbiamo costruito in questi anni con il Genoa, orgoglioso di essere ripartito dopo momenti difficili, di aver garantito alla squadra più antica del calcio italiano la posizione che merita, un traguardo difficile da raggiungere nel calcio moderno. Sono orgoglioso, perché ce l’abbiamo fatta, perché sono già 10 anni che il Genoa è dove merita di essere, in serie A: questa è già la decima stagione, un record assoluto dal Dopoguerra a oggi. Non è stato facile, per me è stato sicuramente impegnativo, dal punto di visto economico, per gli investimenti fatti, per le energie spese, per le difficoltà che ho dovuto affrontare”.

“L’ho fatto perché rispetto il Genoa. L’ho sempre rispettato, da quando lo acquistai mettendo sul tavolo molti milioni in garanzia. Erano numeri che potevano sembrare sproporzionati per una squadra finita in serie C, a un passo dal fallimento. Non lo erano, perché il Genoa meritava un’altra storia. E in questi anni una nuova storia è stata scritta. Ho aperto un ciclo, nessuno c’era riuscito, mai dal Dopoguerra, neppure quando la città era un centro strategico dell’economia italiana ed europea, quando Genova “tirava”, le sue industrie e il suo porto erano uno dei tre vertici del triangolo industriale, ma la sua squadra languiva in serie B o finiva in C. Mi sono sempre chiesto perché nessun genovese facoltoso volesse investire in questa meravigliosa squadra, se lo chiedano anche quei tifosi che oggi contestano quanto abbiamo fatto: credo che la risposta sia facile soprattutto leggendo quanto sta accadendo oggi”.

“Dieci anni, sono un ciclo di soddisfazioni sportive, per i genoani, per Genova e per me che genovese non sono. Tutto grazie a un progetto. Siamo arrivati al quarto posto in serie A, ma non ci siamo fermati, abbiamo continuato a lavorare e lottare, senza mai tornare in serie B, come purtroppo era accaduto anche in un passato non troppo lontano. Questo ha significato e significa investire e progettare. Così il Genoa è diventato parte della mia famiglia. E io non potrò mai accettare che la mia famiglia venga attaccata in maniera incivile. Per questo ho deciso che la squadra (contrariamente alla volontà del tecnico e dei giocatori) lasciasse Pegli per preparare con serenità la prossima delicatissima sfida. Queste sono le mie scelte, perché io credo fortemente che nessuno abbia il diritto di cambiare la vita delle persone con l’intimidazione. Non mi sono mai fatto intimidire, non lo farò”.

“Non scappo, non è nel mio DNA, non l’ho mai fatto, accetto il confronto e nel farlo ribadisco la realtà delle cose. Dieci anni di serie A rappresentano un ciclo unico e io non voglio che questo meraviglioso lavoro venga gettato via. Non lo voglio per il Genoa, per i tifosi, per Genova, per tutte le persone che credono in questa squadra. Ho chiesto, anche nell’ultima apparizione televisiva fatta, la possibilità di avere un confronto diretto con i genoani. Detesto i monologhi e la televisione che mi ha ospitato aveva esteso l’invito anche a chi contesta quanto sto facendo. Ma l’invito è stato rifiutato. Vorrei ancora confrontarmi, ascoltare e spiegare la realtà delle cose. Sono aperto al dialogo, ma non mi farò mai imporre da altri decisioni che devo giustamente assumere in prima persona”.

“Ora chi ritiene che io debba lasciare il Genoa faccia uno sforzo, costruttivo: proponga un nome concreto, un investitore che dimostri di avere la forza necessaria per aprire un nuovo ciclo. Si faccia avanti chiunque possa davvero raggiungere quello che è stato raggiunto, e magari sia capace di fare ancora meglio. Ribadisco che sono determinato a vendere il Genoa, sono pronto a incaricare un advisor non appena anche quest’anno la salvezza sarà raggiunta matematicamente. Sono pronto a cedere il Genoa, non a disfarmene. Ed è dunque non solo inutile, ma anche dannosa, qualsiasi ulteriore forma di contestazione”.

“Non voglio disfare un lavoro che ha garantito già dieci anni in serie A, che ha permesso di far crescere nel settore giovanile campioni come Criscito e di vedere con la maglia rossoblù altri campioni come Milito, Thiago Motta, Palacio, Perotti, Iago Falque, solo per citarne alcuni. Li abbiamo fatti crescere, portati in Italia, lanciati o ricostruiti. Abbiamo garantito un futuro, questa è la mia idea di Genoa. Ed è l’idea di molti tifosi rossoblù, spero venga accettata da chi la pensa in modo diverso. E’ così che si spacca la tifoseria, non accettando le idee degli altri e volendo imporre le proprie. Sono divisioni che non solo non auspico, ma che trovo controproducenti per il futuro del Genoa”.

LASCIA UNA RISPOSTA: