SHARE

La Roma, dopo l’ok del Campidoglio, accelera verso la costruzione dello stadio di proprietà. Il Milan, su impulso di Barbara Berlusconi, sta andando nella stessa direzione, anche se il club rossonero si trova ancora in una fase preeliminare. L’Inter di Erick Thohir attende di conoscere la decisione del Milan per capire quanto conveniente possa essere rimanere a San Siro o se procedere alla costruzione di un nuovo impianto. A Firenze la famiglia Della Valle ha da tempo avviato un dialogo con il comune per arrivare alla costruzione di un nuovo stadio per la Fiorentina nell’area Mercafir a Novoli. Mentre il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis attacca il sindaco Luigi De Magistris proprio sullo stadio, reclamando un accordo con il comune che consenta al club di gestire direttamente il San Paolo.

E’ dunque evidente che, dopo l’esperienza pionieristica della Juventus (seguita a ruota dall’Udinese), il tema dell’ammodernamento degli impianti sta diventando sempre più centrale. I dati sull’affluenza negli stadi della Serie A dopo le prime 16 giornate, che hanno evidenziato un calo del 6,1% rispetto alla scorsa stagione, rappresentano l’ennesimo campanello d’allarme. Ma anche analizzando i dati relativi alla stagione 2013/14 a livello internazionale e incrociandoli con quelli relativi ai ricavi di stadio risulta evidente che il gap da colmare è importante.

spettatori

Le società italiane si trovano infatti nelle posizioni di rincalzo sia nella classifica dei ricavi da stadio sia in quelle relative alle presenze medie allo stadio. Anche se, come è possibile notare dalle tabelle, tra ricavi da stadio, presenze medie e percentuali di riempimento, non c’è una correlazione così stretta. L’impatto del numero di spettatori sui ricavi dipende infatti dalle politiche sul prezzo dei biglietti applicate dalle varie società, dal tipo di stadio e dai servizi offerti.

ricavi da stadio 2013-14

Basti pensare che il Borussia Dortmund, primo in classifica in termini di numero di spettatori medi (80.297) e con una percentuale di riempimento del 100%, nel 2013/14 ha incassato dallo stadio circa 40,5 milioni. Quasi la stessa cifra della Juventus, che può contare su un impianto da 41,000 posti, ma molto meno rispetto a Real Madrid, Barcellona, Manchester United, che dominano la classifica dei ricavi da stadio, ma si posizionano anche al vertice nella graduatoria sulle presenze medie allo stadio.

presenze-stadio-2013-14

La scorsa stagione Real Madrid e Barcellona hanno incassato rispettivamente 131,5 e 128,5 milioni (il dato comprende anche le partite disputate nelle coppe e europee e in coppa del Re). Dal punto di vista delle presenze medie allo stadio, invece, i blancos campioni d’Europa e freschi vincitori del Mondiale per club, con una media spettatori di 71.558 e una percentuale di riempimento del Santiago Bernabeu dell’84%, si piazzano subito dietro al Barςa, che nell’ultima stagione ha potuto contare su una presenza media di 72.116 spettatori, anche se la percentuale di riempimento è solo del 73%, essendo il Camp Nou più capiente.

Il Manchester United, secondo nella graduatoria generale per presenze medie (75.207 con un load factor dell’Old Trafford del 99%) ricopre la stessa posizione anche nella classifica dei ricavi da stadio con 129,7 milioni, facendo meglio del Barcellona e dell’Arsenal, che in anche virtù di una politica di prezzo elevata è riuscito a incassare 120,2 milioni con un numero di spettatori medi inferiori a quelli dei Red Devils (60.013 con una percentuale di riempimento dell’Emirates Stadium del 99%).

Dalla rilevazione condotta da C&F sui bilanci dei principali club europei attualmente disponibili emerge inoltre che il Bayern di Monaco, pur potendo contare su un impianto all’avanguardia come l’Allianz Arena, ha incassato nel 2013/14 dalle gare disputate in casa “solo” 96,2 milioni. Questo dato non coincide con quello ufficiale riportato nel bilancio del Bayern (si veda il documento ufficiale) che indica come ricavi da gare una cifra di 140,8 milioni. Tale cifra, tuttavia, come specificato nello steso bilancio include anche i 44,61 milioni incassati dalla Uefa per la partecipazione alla Champions League 2013/14.

Per quanto riguarda i club italiani, la Juve, grazie anche allo stadio di proprietà e a un numero di partite disputato nella scorsa stagione superiore a quello degli altri club italiani (i bianconeri sono giunti fino alle semifinali di Europa Leaue), primeggia tra le società di Serie A. Segue il Milan, che pur avendo perso il 10% di spettatori in campionato, ha sfruttato al meglio le quattro partite disputate a San Siro nella scorsa edizione della Champions League. Al contrario l’Inter, che lo scorso anno non ha disputato le coppe, si trova nella paradossale situazione di essere stato il club italiano con più spettatori presenti in media nelle gare interne, ma di avere ricavi da gare per circa la metà di quelli della Juve.

Alberto Medici

presenze-stadio-italia-estero-2013-14

2 COMMENTI

  1. leggendo il bilancio del real madrid attentamente si evince che gli incassi ttoali stagionali da stadiod el club comprese le amichevoli ammontano a quasi 200 milioni

LASCIA UNA RISPOSTA: